DNA

29 01 2009

Sei miliardi dipersone popolano questo mondo, ognuno con le sue abitudini,con i suoi modi di fare con le sue storie. Nessuno ha il mio viso, le mie mani, i miei occhi
Nessuno ha il mio sguardo, il mio sorriso, nessun’altro al mondo parla come me.
Io, individuo unico al mondo, unico nella mia unicità.
Siamo dei veri e propri miracoli.
Milioni di spermatozoi hanno partecipato a una maratona alla ricerca di ovulo e solamente il migliore ha vinto e ci ha donato il proprio corredo cromosomico .
Sono i stato un piccolo embrione che ha preso lentamente forma nel grembo di mia madre, una cellula che si è unita con un’altra e poi a un’altra ancora formando lentamente ogni organo, ogni parte del corpo.
Tutto secondo un progetto perfetto fino a quando un giorno sono venuto al mondo.
Questo è un miracolo, un miracolo che ogni giorno ci fa crescere ed essere qui. .
Ti tutto quello che siamo dobbiamo ringraziare i nostri genitori per il loro patrimonio genetico che ci hanno donato oltre al motorino.
Il progetto di quello che siamo e di quello che saremo è scritto all’interno del nostro DNA, il quale si trova nel nucleo delle nostre cellule e provvede il modo sapiente a dare le indicazioni per realizzare tutto quello per cui siamo stati creati.
Siano unici anche se facciamo di tutto per essere banali
L’acido desossiribonucleico o deossiribonucleico (DNA) è, dal punto di vista della biochimica, un polimero organico i cui monomeri sono i desossiribonucleotidi. È presente in tutti gli organismi viventi. Lo si trova nei cromosomi degli eucarioti, dei procarioti,E’ depositario dell’ informazione genetica necessaria alla trasmissione dei caratteri ereditari. Ogni proteina presente negli organismi viventi deriva da un processo di sintesi che trae origine dall’informazione immagazzinata nel DNA.

Ogni nucleotide è formato da tre parti: una molecola di desossiribosio (uno zucchero semplice, un gruppo fosfato e una base azotata (citosina, guanina, adenina o timina). Abbiamo quindi uno scheletro fosfato-zucchero-fosfato… , mentre agli zuccheri sono legate le diverse basi azotate, che determinano la sequenza specifica.
Di solito il DNA è a doppio filamento: è formato da due catene orientate in verso opposto,
Alfabeto di quattro lettere

Le basi azotate (adenina A, citosina C, guanina G, timina T), possono essere immaginate come le quattro lettere dell’alfabeto delle informazioni genetiche della cellula. Utilizzando gruppi di tre lettere si possono avere fino a 64 combinazioni diverse (43), che vanno a coprire i venti diversi amminoacidi esistenti.
Nell’RNA l’adenina si lega all’uracile (contraddistinto dalla lettera U) che sostituisce la timina del DNA.

Annunci




I principi nutritivi

3 10 2008


I glucidi
zuccheri, o saccaridi, sono detti anche carboidrati o idrati di carbonio in quanto hanno un rapporto idrogeno ossigeno simile a quello dell’acqua: (CH2O)n. Sono solidi a temperatura ambiente e i più importanti e veloci fornitori di energia biochimica.

I lipidi
o grassi sono costituiti da carbonio, idrogeno e ossigeno, e comprendono trigliceridi, cere e terpeni. Ad esempio nei lipidi di origine animale troviamo il burro, lo strutto e il sego.
Le proteine
sono composti organici tra i più complessi, costituenti fondamentali di tutte le cellule animali e vegetali. Una proteina è detta anche polimero,costituita da una combinazione variabile di diversi monomeri detti amminoacidi
Le vitamine
sono composti organici essenziali per l’uomo. Le vitamine presentano due strutture chimiche:quello delle vitamine idrosolubili (vitamina C e del gruppo B) e quello delle vitamine liposolubili (vitamine A, E, D, K).
I sali minerali
sono sostanze inorganiche che, pur rappresentando complessivamente solo il 6,2% del peso corporeo, svolgono funzioni essenziali per la vita dell’uomo partecipano infatti ai processi cellulari come la formazione di denti e ossa e costituiscono fattori determinanti per la crescita e lo sviluppo di tessuti e organi fornendo direttamente energia al corpo.





Il Sole fonte di principale di energia

30 09 2008


Energia per vivere

Qualunque organismo ha bisogno di energia per vivere.
L’energia è legata a tutte le attività umane: quando pensiamo o ci muoviamo utilizziamo energia immagazzinata nel nostro corpo e tutti gli oggetti che ci circondano o di cui facciamo uso hanno bisogno di energia per funzionare o ne hanno avuto bisogno per essere costruiti; l’energia illumina e riscalda le nostre case, ci permette di spostarci, alimenta gli strumenti con i quali produciamo il cibo e così via.
Tutto ciò che produce energia è una “fonte di energia”.
Il Sole è la principale fonte di energia della Terra.
La Terra riceve dal Sole un flusso ininterrotto di energia che:
• alimenta tutti i processi vitali, vegetali e animali.
• determina la fosintesi clorofilliana,
• scioglie i ghiacci ed alimenta il ciclo dell’acqua tra mare e atmosfera,
• produce i venti, fa crescere le piante che nel corso di milioni di anni si sono trasformate, insieme ai resti di organismi animali, in combustibili fossili, petrolio, carbone e gas naturale.
In generale tutta l’energia disponibile sul nostro pianeta deriva direttamente o indirettamente dal Sole: l’energia idrica, l’energia eolica, l’energia chimica dei combustibili fossili (carbone, petrolio e gas naturale) e delle biomasse (per esempio la legna), persino l’energia delle onde. Dai campi gravitazionali del Sole, della Luna e della Terra deriva l’energia delle maree.





Anche l’atmosfera ha fatto la propria parte.

30 09 2008

L’atmosfera è una componente essenziale per la vita sulla Terra :
• contiene l’ossigeno necessario alla respirazione degli organismi viventi.
• funziona da filtro delle radiazioni nocive (raggi ultravioletti) provenienti dal Sole, riflettendole e impedendo loro di raggiungere il suolo, e consente alla superficie terrestre di mantenere una temperatura adatta alla vita di piante ed animali.
• è anche la sede dei principali fenomeni meteorologici (vento, pioggia, neve, ecc.), che nel loro insieme costituiscono il clima.
L’aria che respiriamo è costituita da un miscuglio di particelle solide e liquide sospese in un mezzo gassoso, costituito a sua volta da:
ossigeno (O2), (20,95% in volume) quasi interamente di origine biologica, prodotto da organismi autotrofi (vegetali) grazie alla fotosintesi clorofilliana;
• anidride carbonica (CO2) (in percentuale variabile) di origine naturale generata dalle attività svolte dall’uomo: ad esempio i processi di combustione;
acqua (H2O), (in percentuale variabile) che nell’atmosfera può trovarsi sotto forma di vapore, oppure allo stato liquido o solido;
azoto (N2), pari al 78% in volume e argon (A) pari allo 0,93% in volume, entrambi gas inerti;
altri gas come neon, kripton, xenon, idrogeno, ed altri ancora, che nell’insieme costituiscono solo lo 0,01% in volume dell’atmosfera. Le particelle solide e liquide (polveri varie, spore, pollini, ecc.) sono presenti in quantità ridotte e sono caratterizzate da dimensioni, caratteristiche fisiche e chimiche variabili.

La respirazione degli organismi animali e vegetali

Attraverso la respirazione gli organismi vegetali ed animali si procurano l’energia necessaria per vivere e per crescere. La respirazione, che può essere considerata una combustione a bassa temperatura, libera l’energia accumulata nei composti organici, assunti dall’organismo mediante l’alimentazione, bruciando ossigeno e rilasciando anidride carbonica ed acqua. In pratica, ogni volta che inspiriamo, l’ossigeno presente nell’aria arriva ai polmoni, entra nel sangue, viene portato a tutte le cellule del corpo e lì utilizzato nei processi di combustione che producono l’energia necessaria a mantenerci in vita. Le cellule, a loro volta, restituiscono al sangue i prodotti residui della combustione: anidride carbonica e acqua. Queste sostanze sono portate dal sangue nei polmoni, da dove fuoriescono nel momento in cui espiriamo.





L'acqua composto fondamentale per la vita.

30 09 2008

L’acqua è il composto chimico più abbondante sulla terra e nella materia vivente.
La sua quantità è stimata in 1.400 milioni di miliardi di tonnellate, si trova in tutti gli ambienti ed è parte integrante di tutti gli organismi viventi.
L’acqua è quindi un elemento fondamentale per la vita sul nostro pianeta.
E’ il principale costituente degli organismi di cui rappresenta in media il 70% del peso,. il 60% circa del peso dell’adulto ed il 75% del neonato.
L’apporto di acqua indispensabile alla vita; mentre si può sopravvivere per molti giorni senza mangiare, la morte sopraggiunge solo dopo pochi giorni se il digiuno è totale.
L’acqua ha un alto calore specifico quindi a differenza di altri liquidi ha bisogno di più calore per alzare la sua temperatura.
Il calore specifico è la quantità di calore necessaria per alzare di 1°C la temperatura di una sostanza di 1g.
Funzioni e fabbisogno
Numerose sono le funzioni dell’acqua:
L’acqua è un buon solvente infatti è capace di sciogliere tante sostanze.
Se sciogliamo una sostanza nell’acqua otteniamo un miscuglio chiamato soluzione dove l’acqua è il solvente mentre la sostanza che sciogliamo è il soluto.
L’acqua ha una buona capacità termica questo significa che è un ottimo refrigerante, cioè rinfresca.La capacità termica è la capacità di assorbire2 calore.
trasporta alle cellule le sostanze nutritive ed allontana quelle di rifiuto;
partecipa ai processi di termoregolazione;
costituisce il mezzo in cui avvengono le reazioni metaboliche e digestive;
è il costituente fondamentale delle secrezioni;
In condizioni normali, ogni giorno l’organismo ricambia il 6% del suo patrimonio idrico, in media circa 2-2,5 l. Per mantenere costante la quantità totale di acqua, ossia l’equilibrio idrico, è necessario che la quantità di acqua introdotta, sia uguale a quella eliminata. Le vie di eliminazione sono rappresentate da urine, feci, il sudore e l’aria espirata.
La disidratazione può causare crampi, allucinazioni e perdita di coscienza, e la morte sopravviene se il corpo ha perduto appena il 20% dell’acqua.
La quantità di acqua giornaliera necessaria è in relazione al clima, all’età, alla dieta e all’attività. Particolare attenzione va rivolta ai bambini e alle donne in gravidanza ed allattamento, così come alla qualità dell’acqua da bere, che deve essere pulita e non contaminata.





L’acqua composto fondamentale per la vita.

30 09 2008

L’acqua è il composto chimico più abbondante sulla terra e nella materia vivente.
La sua quantità è stimata in 1.400 milioni di miliardi di tonnellate, si trova in tutti gli ambienti ed è parte integrante di tutti gli organismi viventi.
L’acqua è quindi un elemento fondamentale per la vita sul nostro pianeta.
E’ il principale costituente degli organismi di cui rappresenta in media il 70% del peso,. il 60% circa del peso dell’adulto ed il 75% del neonato.
L’apporto di acqua indispensabile alla vita; mentre si può sopravvivere per molti giorni senza mangiare, la morte sopraggiunge solo dopo pochi giorni se il digiuno è totale.
L’acqua ha un alto calore specifico quindi a differenza di altri liquidi ha bisogno di più calore per alzare la sua temperatura.
Il calore specifico è la quantità di calore necessaria per alzare di 1°C la temperatura di una sostanza di 1g.
Funzioni e fabbisogno
Numerose sono le funzioni dell’acqua:
L’acqua è un buon solvente infatti è capace di sciogliere tante sostanze.
Se sciogliamo una sostanza nell’acqua otteniamo un miscuglio chiamato soluzione dove l’acqua è il solvente mentre la sostanza che sciogliamo è il soluto.
L’acqua ha una buona capacità termica questo significa che è un ottimo refrigerante, cioè rinfresca.La capacità termica è la capacità di assorbire2 calore.
trasporta alle cellule le sostanze nutritive ed allontana quelle di rifiuto;
partecipa ai processi di termoregolazione;
costituisce il mezzo in cui avvengono le reazioni metaboliche e digestive;
è il costituente fondamentale delle secrezioni;
In condizioni normali, ogni giorno l’organismo ricambia il 6% del suo patrimonio idrico, in media circa 2-2,5 l. Per mantenere costante la quantità totale di acqua, ossia l’equilibrio idrico, è necessario che la quantità di acqua introdotta, sia uguale a quella eliminata. Le vie di eliminazione sono rappresentate da urine, feci, il sudore e l’aria espirata.
La disidratazione può causare crampi, allucinazioni e perdita di coscienza, e la morte sopravviene se il corpo ha perduto appena il 20% dell’acqua.
La quantità di acqua giornaliera necessaria è in relazione al clima, all’età, alla dieta e all’attività. Particolare attenzione va rivolta ai bambini e alle donne in gravidanza ed allattamento, così come alla qualità dell’acqua da bere, che deve essere pulita e non contaminata.